Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Xagena Mappa

Uso di statine ad alta potenza e tassi di ricovero per insufficienza renale acuta


È stata quantificata l'associazione tra insufficienza renale acuta e uso di statine ad alta potenza rispetto alle statine a bassa potenza.

È stata effettuata una analisi osservazionale retrospettiva di database amministrativi, utilizzando 9 studi di coorte basati sulla popolazione e meta-analisi in 7 province canadesi e con due database nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

Lo studio ha riguardato 2.067.639 pazienti di età a partire dai 40 anni e trattati di recente con le statine nel periodo 1997-2008.
Ogni persona ricoverata in ospedale per insufficienza renale acuta è stata abbinata con 10 controlli.

Un evento di somministrazione è stato considerato nuovo se non era stato prescritto nessun farmaco ipocolesterolemizzante o Niacina nel corso dell'anno precedente.
Un trattamento con statine ad alta potenza è stato definito come Rosuvastatina ( Crestor ) maggiore o uguale a 10 mg, Atorvastatina ( Lipitor ) maggiore o uguale a 20 mg e Simvastatina ( Zocor ) maggiore o uguale a 40 mg; tutti gli altri trattamenti con statine sono stati definiti a bassa potenza.
I gruppi di potenza delle statine sono stati ulteriormente suddivisi in coorti con o senza malattia renale cronica.

La principale misura di esito era rappresentata dai tassi di ospedalizzazione relativi all’insufficienza renale acuta.
Su oltre 2 milioni di utilizzatori di statine, 59.636 presentavano nefropatia cronica, mentre la coorte malattia renale non-cronica era costituita da 2.008.003 soggetti ).

Nell’arco di 120 giorni, durante il trattamento, ci sono stati 4.691 ricoveri per insufficienza renale acuta tra i pazienti danno renale non-cronico e 1.896 ricoveri tra i pazienti con insufficienza renale cronica.

Nei pazienti con malattia renale non-cronica, gli utilizzatori correnti di statine ad alta potenza hanno avuto il 34% in più di probabilità di essere ricoverati in ospedale con danno renale acuto entro 120 giorni dopo aver iniziato il trattamento ( rate ratio a effetti fissi, RR=1.34 ).

Gli utilizzatori di statine ad alta potenza con malattia renale cronica non hanno avuto un aumento così grande del tasso di ricovero ( RR=1.10 ).

Dallo studio è emerso che l'impiego di statine ad alta potenza è associato a un aumento del tasso di diagnosi di insufficienza renale acuta nei ricoveri ospedalieri rispetto alle statine a bassa potenza.
L'effetto sembra essere più forte nei primi 120 giorni dopo l'inizio del trattamento con statine. ( Xagena2013 )

Dormuth CR et al, BMJ 2013; 346: f880

Cardio2013 Nefro2013 Farma2013


Indietro