52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Studio VICTORIA: il trattamento con Vericiguat associato a un numero minore di decessi per cause cardiovascolari, ricovero per insufficienza cardiaca nei pazienti ad alto rischio


Lo studio, VICTORIA ( Vericiguat Global Study in Subjects with Heart Failure with Reduced Ejection Fraction ) ha mostrato che i pazienti che assumevano Vericiguat, uno stimolatore della guanilato-ciclasi solubile orale, avevano il 10% in meno di probabilità di raggiungere l'esito primario ( composito di morte per cause cardiovascolari o primo ricovero in ospedale per scompenso cardiaco, rispetto a quelli che assumevano placebo.

I risultati sono stati pubblicati su The New England Journal of Medicine.

I pazienti che hanno preso parte allo studio VICTORIA erano stati ricoverati in ospedale nei 6 mesi precedenti o trattati con un diuretico per via endovenosa; la maggior parte era stata ricoverata in ospedale negli ultimi 3 mesi.
I pazienti stavano assumendo una terapia indicata dalle linee guida.
La loro età media era di 67.3 anni.

Nell'arco di 10.8 mesi, 897 pazienti su 2526 ( 35.5% ) nel gruppo Vericiguat hanno manifestato un evento con esito primario, rispetto a 972 pazienti su 2524 ( 38.5% ) nel gruppo placebo, per un hazard ratio ( HR ) di 0.90 ( intervallo di confidenza [ IC ], 0.82-0.98; P = 0.02 ).

691 pazienti ( 27.4% ) nel gruppo Vericiguat e 747 pazienti ( 29.6% ) trattati con placebo sono stati ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca ( HR=0.90; IC 95%, 0.81-1.00 ).

414 pazienti ( 16.4% ) che avevano assunto Vericiguat sono deceduti per cause cardiovascolari rispetto a 441 ( 17.5% ) che avevano assunto placebo ( HR=0.93; IC 95%, 0.81-1.06 ).

Il composito di morte per qualsiasi causa o ricovero in ospedale per insufficienza cardiaca si è verificato in 957 pazienti ( 37.9% ) trattati con Vericiguat rispetto a 1032 ( 40.9% ) che avevano assunto placebo ( HR=0.90; IC 95%, 0.83-0.98; P = 0.02 ).

Il 9.1% dei pazienti trattati con Vericiguat ha manifestato ipotensione sintomatica, rispetto al 7.9% di coloro che avevano assunto placebo ( P = 0.12 ) e la perdita di coscienza si è verificata nel 4.0% del gruppo Vericiguat, rispetto al 3.5% del gruppo placebo ( P = 0.30 ).

Vericiguat ha ottenuto una riduzione dell'evento primario assoluto clinicamente significativo di 4.2 per 100 pazienti-anno.
Il numero necessario da trattare ( NNT ) per 1 anno per prevenire 1 evento di esito primario è di stato di 24 pazienti in questa popolazione ad alto rischio con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione ( HFrEF ) per 10.8 mesi. ( Xagena2020 )

Fonte: American College of Cardiology / World Congress of Cardiology Virtual Meeting, 2020

Cardio2020 Farma2020


Indietro