Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Studio PIONEER-HF: inibizione di angiotensina-neprilisina nell'insufficienza cardiaca acuta scompensata


Lo scompenso cardiaco acuto scompensato rappresenta più di 1 milione di ospedalizzazioni negli Stati Uniti ogni anno.
Non è noto se il trattamento con Sacubitril - Valsartan ( Entresto ) sia sicuro ed efficace tra i pazienti ospedalizzati per insufficienza cardiaca acuta scompensata.

Sono stati arruolati pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta che sono stati ospedalizzati per insufficienza cardiaca acuta scompensata in 129 Centri negli Stati Uniti.
Dopo stabilizzazione emodinamica, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Sacubitril - Valsartan ( dose target, 97 mg di Sacubitril con 103 mg di Valsartan, due volte al giorno ) oppure Enalapril ( dose target, 10 mg due volte al giorno ).

L'outcome primario di efficacia era la variazione proporzionale nella concentrazione del frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ) dal basale fino alle settimane 4 e 8.
I principali risultati di sicurezza erano i tassi di peggioramento della funzione renale, iperkaliemia, ipotensione sintomatica e angioedema.

Degli 881 pazienti sottoposti a randomizzazione, 440 sono stati assegnati a ricevere Sacubitril - Valsartan e 441 a ricevere Enalapril.

La riduzione della concentrazione di NT-proBNP è risultata significativamente maggiore nel gruppo Sacubitril - Valsartan rispetto al gruppo Enalapril; il rapporto tra la media geometrica dei valori ottenuti alle settimane 4 e 8 rispetto al valore basale è stato pari a 0.53 nel gruppo Sacubitril - Valsartan rispetto a 0.75 nel gruppo Enalapril ( variazione percentuale, -46.7% vs -25.3%, rapporto di variazione con Sacubitril-Valsartan vs Enalapril, 0.71; intervallo di confidenza al 95% [ IC ], da 0.63 a 0.81, P inferiore a 0.001 ).

La maggiore riduzione della concentrazione di NT-proBNP con Sacubitril - Valsartan rispetto a Enalapril è risultata evidente già nella prima settimana ( rapporto di variazione 0.76; IC 95%, 0.69-0.85 ).
I tassi di peggioramento della funzione renale, iperkaliemia, ipotensione sintomatica e angioedema non differivano significativamente tra i due gruppi.

In conclusione, tra i pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta che sono stati ospedalizzati per insufficienza cardiaca acuta scompensata, l'inizio della terapia con Sacubitril - Valsartan ha portato a una maggiore riduzione della concentrazione di NT-proBNP rispetto alla terapia con Enalapril.
I tassi di peggioramento della funzionalità renale, iperkaliemia, ipotensione sintomatica e angioedema non differivano significativamente tra i due gruppi. ( Xagena2019 )

Velazquez EJ et al, N Engl J Med 2019; 380: 539-548

Cardio2019 Farma2019


Indietro