CardioPreventariab.it
L'ictus puo essere prevenuto
Associazione Silvia Procopio
Neurologia

Studio HOPE-3 Stroke: il trattamento antipertensivo associato a quello ipocolesterolemizzante riduce l'incidenza di primo ictus


Dallo studio HOPE-3 Stroke è emerso che la combinazione di farmaci antipertensivi e di ipocolesterolemizzanti è in grado di ridurre in modo significativo l'incidenza di primo ictus.

Il trattamento con Candesartan / Idroclorotiazide ( Blopress ) a dose fissa combinato con Rosuvastatina ( Crestor ) a basso dosaggio ha ridotto il primo ictus del 44% nei pazienti a rischio intermedio per malattia cardiovascolare.

Fino al 76% erano ictus primari, seguiti spesso da invalidità permanente o decesso.
La prevenzione primaria è, pertanto, di fondamentale importanza per ridurre il carico di ictus.

L'abbassamento della pressione arteriosa e l'abbassamento dei livelli di colesterolo, nelle persone con valori elevati, hanno dimostrato di ridurre l'incidenza di infarto miocardico e di ictus.
Solo circa un terzo di coloro che hanno sofferto di un primo ictus presentava una storia di ipertensione o di ipercolesterolemia o era considerato ad alto rischio.
Non è chiaro se la riduzione della pressione arteriosa o dei livelli di colesterolo in coloro che non erano considerati avere valori elevati, sia efficace nel prevenire l'ictus.

Al fine di meglio definire il ruolo della terapia antiipertensiva a dosaggio fisso e delle statine nella prevenzione della malattia cardiovascolare, sono stati arruolati 12.705 soggetti ( età media, 66 anni, 46% donne ) con rischio cardiovascolare intermedio ma senza patologia vascolare conclamata.
I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a un regime di riduzione della pressione arteriosa con Candesartan a dose fissa di 16 mg più Idroclorotiazide 12.5 mg al giorno oppure placebo, e a un regime per la riduzione dei livelli di colesterolo con Rosuvastatina 10 mg al giorno oppure placebo.

I risultati principali di HOPE-3 erano stati pubblicati nel 2016.
Ora, all'International Stroke Conference sono stati presentati i risultati relativi all'ictus.

I ricercatori hanno osservato in totale 166 eventi ictali durante un follow-up mediano di 5.6 anni.

La pressione arteriosa media al basale era di 138 mm Hg per la sistolica e di 82 mm Hg per la diastolica; la differenza di pressione arteriosa tra i gruppi di trattamento era di 6 mm Hg / 3 mm Hg durante il follow-up.

Quelli trattati con Rosuvastatina avevano un valore medio LDL ( lipoproteina a bassa densità ) di 34.6 mg/dl inferiore a quelli assegnati al placebo entro la fine del periodo di studio.

Rispetto al placebo, la combinazione di Candesartan e Idroclorotiazide ha ridotto l'ictus del 20% ( hazard ratio, HR=0.8; IC 95%, 0.59-1.08 ), mentre la Rosuvastatina ha ridotto l'ictus del 30% ( HR=0.7; IC 95%, 0.52-0.95 ).

Le persone che hanno assunto sia Candesartan / Idroclorotiazide che Rosuvastatina hanno presentato un rischio ridotto del 44% per l'ictus rispetto a quelli assegnati a doppio placebo ( HR=0.56; IC 95%, 0.36-0.87 ).

In una analisi di sottogruppo prespecificata, i soggetti del terzile più alto della pressione sistolica ( maggiore di 143.5 mm Hg ) hanno presentato una riduzione del 42% dell'ictus ( HR=0.58, IC 95%, 0.37-0.9 ).

Non sono state rilevate differenze significative nei tassi di interruzione permanente tra i pazienti attivi e quelli assegnati al placebo. ( Xagena2018 )

Fonte: International Stroke Conference, 2018

Cardio2018 Neuro2018 Farma2018


Indietro