Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Rivaroxaban a basso dosaggio riduce il rischio di arteriopatia periferica post-rivascolarizzazione


Nello studio VOYAGER PAD, i pazienti con malattia sintomatica arteriosa periferica sottoposti a rivascolarizzazione degli arti inferiori hanno presentato una minore incidenza di eventi avversi dell'arto e cardiovascolari maggiori quando trattati con Rivaroxaban ( Xarelto ) a basso dosaggio due volte al giorno più Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ], rispetto alla sola Aspirina.

Tra oltre 6.500 pazienti con arteriopatia periferica che sono stati seguiti per una mediana di 28 mesi, l'incidenza cumulativa di ischemia acuta degli arti, amputazione maggiore per causa vascolare, infarto miocardico, ictus ischemico o morte cardiovascolare, è stata del 17.3% in coloro che hanno ricevuto Rivaroxaban 2.5 mg due volte al giorno assieme ad Aspirina 100 mg al giorno contro il 19.9% in coloro che hanno ricevuto un placebo più Aspirina ( hazard ratio, HR = 0.85; IC 95%, 0.76-0.96; P = 0.0085 ).

Il beneficio prodotto da Rivaroxaban era evidente precocemente e continuato nel tempo.

In termini di sanguinamento, l'incidenza del sanguinamento maggiore TIMI, l'endpoint primario di sicurezza, non è risultato significativamente differente tra i due gruppi di trattamento, verificandosi nel 2.7% dei pazienti assegnati a Rivaroxaban più Aspirina rispetto all'1.9% assegnati solamente ad Aspirina ( HR = 1.43; IC 95%, 0.97-2.1; P = 0.0694 ).
Tuttavia, il sanguinamento maggiore ISTH, un endpoint secondario, era più elevato con Rivaroxaban ( 5.9% vs 4.1%; HR = 1.42; IC 95%, 1.1-1.84; P = 0.0068 ).

Nel loro insieme, la strategia di trattamento a base di Rivaroxaban e Aspirina ha prodotto un aumento di circa sei volte il numero di eventi ischemici prevenuti rispetto ai sanguinamenti causati.

Più di 200 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di arteriopatia periferica agli arti inferiori e sono a rischio elevato per i principali eventi cardiaci avversi.
Inoltre, i pazienti con arteriopatia periferica che necessitano di rivascolarizzazione presentano un rischio particolarmente elevato di eventi agli arti e di esiti cardiovascolari a seguito di rivascolarizzazione. I pazienti sottoposti a rivascolarizzazione hanno un rischio quadruplo di ischemia acuta degli arti rispetto a quelli che non sono sottoposti a questa procedura. ( Xagena2020 )

Fonte: American College of Cardiology ( ACC ) Virtual Meeting, 2020

Cardio2020 Farma2020


Indietro