Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Rischio iperpotassiemia associando Aliskiren a Valsartan

Uno studio ha valutato l’effetto di una nuova combinazione di farmaci sulla pressione sanguigna: Aliskiren ( Rasilez / Tekturna ), un’inibitore della renina, e Valsartan ( Diovan / Tareg ) un sartano.

Allo studio hanno partecipato quasi 1800 ipertesi che sono stati assegnati in modo casuale a ricevere la terapia combinata Aliskiren + Valsartan, Aliskiren in monoterapia, Valsartan in monoterapia, oppure placebo.

Il trattamento era somministrato per 4 settimane, e nelle successive 4 settimane il dosaggio era raddoppiato.

La pressione diastolica da seduto è stata ridotta in media di 12,2 mmHg dalla terapia di combinazione, di 9 mmHg da Aliskiren, di 9.7 mmHg dal Valsartan, e di 4.1 mmHg dal placebo.

Tuttavia un editoriale ha evidenziato dubbi sulla sicurezza della combinazione tra Aliskiren e Valsartan, cioè tra un inibitore della renina ed un antagonista del recettore dell’angiotensina II.

In alcuni pazienti ( 4% ) i livelli plasmatici di potassio sono risultati superiori a 5.5 mmol/l. L’iperpotassiemia è associata a sviluppo di aritmie, arresto cardiaco, o a paralisi.

Pertanto, i pazienti che assumono Aliskiren ed un sartano dovrebbero sottoporsi a monitoraggio dei livelli plasmatici di potassio.
Questo limita l’impiego della terapia di combinazione tra un inibitore della renina ed un bloccante il recettore dell’angiotensina II. ( Xagena2007 )

Fonte: The Lancet, 2007

Cardio2007 Farma2007


Indietro