52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Possibilità di vitalità miocardica ed esiti a lungo termine nella cardiomiopatia ischemica


Il ruolo della valutazione della possibilità di vitalità miocardica nell'identificazione di pazienti con cardiomiopatia ischemica che potrebbero trarre beneficio dalla rivascolarizzazione chirurgica rimane controverso.
Inoltre, sebbene il miglioramento della funzione ventricolare sinistra sia uno degli obiettivi della rivascolarizzazione, la sua relazione con gli esiti successivi non è chiara.

Tra 601 pazienti con malattia coronarica trattabili con innesto di bypass coronarico ( CABG ) e con una frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) del 35% o inferiore è stata valutata in modo prospettico la possibilità di vitalità miocardica utilizzando la tomografia computerizzata a emissione di fotone singolo, l'ecocardiografia con Dobutamina, o entrambi.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a sottoporsi a bypass coronarico e ricevere terapia medica o ricevere terapia medica da sola.
La frazione di eiezione ventricolare sinistra è stata misurata al basale e dopo 4 mesi di follow-up in 318 pazienti.

L'endpoint primario era la morte per qualsiasi causa.

La durata mediana del follow-up è stata di 10.4 anni.

Il bypass coronarico più terapia medica è risultato associato a una minore incidenza di morte per qualsiasi causa rispetto alla sola terapia medica ( 182 decessi su 298 pazienti nel gruppo CABG vs 209 decessi su 303 pazienti nel gruppo terapia medica; hazard ratio aggiustato, aHR=0.73 ).

Tuttavia, non è stata osservata alcuna interazione significativa tra la presenza o l'assenza di possibilità di sopravvivenza miocardica e l'effetto benefico di CABG più la terapia medica sulla sola terapia medica ( P=0.34 per l'interazione ).

Un aumento della FEVS è stato osservato solo tra i pazienti con possibilità di vitalità miocardica, indipendentemente dall'assegnazione del trattamento.

Non c'è stata associazione tra i cambiamenti nella frazione di eiezione ventricolare sinistra e la mortaòità successiva.

I risultati di questo studio non supportano il concetto che la possibilità di sopravvivenza miocardica sia associata a un beneficio a lungo termine di CABG in pazienti con cardiomiopatia ischemica.
La presenza della possibilità di sopravvivenza miocardica è stata associata a un miglioramento della funzione sistolica ventricolare sinistra, indipendentemente dal trattamento, ma tale miglioramento non è risultato correlato alla sopravvivenza a lungo termine. ( Xagena2019 )

Panza JA et al, N Engl J Med 2019; 381: 739-748

Cardio2019



Indietro