52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

PIONEER-HF: la combinazione di Sacubitril e Valsartan superiore a Enalapril nell'insufficienza cardiaca acuta scompensata


I pazienti con insufficienza cardiaca acuta scompensata hanno presentato una maggiore riduzione del frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ) quando assegnati alla combinazione di Sacubitril e Valsartan ( Entresto ) rispetto al trattamento con Enalapril ( Enapren ), secondo i risultati dello studio PIONEER-HF.

La combinazione Sacubitril / Valsartan è risultata superiore a Enalapril anche riguardo a un endpoint clinico composito secondario di mortalità, riospedalizzazione dell'insufficienza cardiaca, impianto del dispositivo di assistenza ventricolare sinistra o lista di attesa per il trapianto a 8 settimane.
I due trattamenti non differivano negli endpoint di sicurezza, di peggioramento della funzione renale, dell' iperpotassiemia, dell'ipotensione sintomatica e dell'angioedema.

Le prospettive per i pazienti nei primi 30 giorni successivi al ricovero ospedaliero non sono favorevoli, con un paziente su quattro riammesso in ospedale durante questo periodo vulnerabile. e fino al 10% di probabilità di morire.

E' stato condotto PIONEER-HF con l'obiettivo di fornire informazioni più approfondite sulla sicurezza della combinazione Sacubitril e Valsartan rispetto a un farmaco standard in questo periodo di tempo vulnerabile.
Inoltre, PIONEER-HF ha incluso popolazioni tipicamente sottorappresentate negli studi sull'insufficienza cardiaca.

Lo studio ha arruolato 881 pazienti con insufficienza cardiaca acuta decompensata con frazione di eiezione del 40% che erano stati stabilizzati emodinamicamente.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale al trattamento con Sacubitril 97 mg / Valsartan 103 mg due volte al giorno ( età media, 61 anni, 27% donne ) o Enalapril 10 mg due volte al giorno ( età media, 63 anni, 30% donne ).

L'endpoint primario era la variazione proporzionale in NT-proBNP dal basale alla media delle settimane 4 e 8.
Il rapporto tra i valori medi di NT-proBNP alle settimane 4 e 8 rispetto al valore basale era 0.53 nel gruppo Sacubitril / Valsartan rispetto a 0.75 nel gruppo Enalapril ( variazione percentuale, -46.7% vs -25.3%, rapporto tra i gruppi, 0.71, IC 95%, 0.63-0.81, P inferiore a 0.001, differenza di riduzione, 29%, IC 95%, 19-37; P inferiore a 0.0001 ).

I gruppi avevano un simile peggioramento della funzionalità renale ( RR = 0.93, IC 95%, 0.67-1.28 ), iperpotassiemia ( RR=1.25, IC 95%, 0.84-1.84 ), ipotensione sintomatica ( RR = 1.18, IC 95%, 0.85-1.64 ) e angioedema ( RR = 0.17; IC 95%, 0.02-1.38 ).

A 8 settimane, l'endpoint composito clinico di morte, riospedalizzazione per insufficienza cardiaca, impianto del dispositivo di assistenza ventricolare sinistra o trapianto è risultato inferiore nel gruppo Sacubitril / Valsartan ( 9.3% vs 16.8%; hazard ratio, HR = 0.54; IC 95%, 0.37-0.79; numero necessario da trattare per prevenire un evento, NNT= 13 ).
La differenza tra i gruppi era dovuta alla riospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( 8% vs 13.8%, HR = 0.56; P = 0.005 ) ed era in linea tra i sottogruppi.

L'endpoint clinico composito espanso, definito come endpoint composito più diuretici per via endovenosa non-pianificati, aggiunta di farmaci per lo scompenso cardiaco e un aumento della dose dei diuretici superiore al 50%, non è risultato significativamente differente tra i gruppi ( HR = 0.93; P = 0.369 ).

Secondo i ricercatori, i dati di PIONEER-HF, assieme ai dati precedenti di PARADIGM-HF, sono a supporto della somministrazione precoce di Sacubitril e Valsartan in ospedale nei pazienti con insufficienza cardiaca acuta scompensata e continuato nel lungo periodo. ( Xagena2018 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Scientific Sessions, 2018

Cardio2018 Farma2018


Indietro