52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Morte cardiaca improvvisa negli anziani: nessun beneficio dai defibrillatori cardioverter impiantabili


I defibrillatori cardioverter impiantabili ( ICD ) non impediscono la morte cardiaca improvvisa nei soggetti di 80 e 90 anni, tra i quali l'età e la velocità di filtrazione glomerulare sono i principali determinanti di sopravvivenza.

Negli ottantenni e nei novantenni esiste una serie di fattori di rischio associati a prognosi non-favorevole, collegabili con i defibrillatori cardioverter impiantabili.
Tuttavia, l'esistenza di un beneficio sulla mortalità prodotto dall'impianto di tali dispositivi è tema di discussione.

Per valutare l'impatto dei defibrillatori cardioverter e di altri fattori sulla sopravvivenza dei pazienti anziani che soddisfano i criteri per la prevenzione primaria da morte cardiaca improvvisa, è stato svolto uno studio su 99 pazienti di 80 anni o più con impianto di defibrillatore cardioverter a causa di una frazione di eiezione ventricolare sinistra minore o uguale al 35%, nel periodo compreso tra il 2001 e il 2008.

Questi soggetti sono stati confrontati con altri 53 pazienti della stessa età e con una eiezione ventricolare sinistra simile, ma ai quali non era stato impiantato il defibrillatore.

È stato utilizzato l'indice di comorbidità di Charlson ( CCI ) per esaminare l'impatto delle condizioni di comorbilità.

Per entrambi i gruppi combinati, l'età media era di 84 anni, il 72% erano uomini, l'87% aveva cardiomiopatia ischemica, la frazione di eiezione ventricolare sinistra media era del 25% e il valore medio dell’indice di comorbidità di Charlson era di 5.3.

I pazienti sono stati seguiti in media per 2.3 anni. I pazienti trattati con defibrillatore cardioverter impiantabile erano significativamente più giovani rispetto a quelli che non l'avevano ricevuto ( 81 versus 86 anni ) e avevano comorbidità significativamente minori ( indice CCI 5.3 versus 6.7 ).
C’era inoltre una tendenza verso una frazione di eiezione ventricolare sinistra inferiore al 24% contro il 27%.

Il 61% dei pazienti è deceduto durante il follow-up, di cui il 59% faceva parte del gruppo con defibrillatore cardioverter e il 66% del gruppo di controllo.
La sopravvivenza media per tutta la coorte è stata di 1.8 anni.

I pazienti con defibrillatore cardioverter hanno presentato una sopravvivenza a 1 anno migliore rispetto ai pazienti senza, 72% contro 52%.
Tuttavia, l'analisi multivariata di Cox regolata per età, indice di comorbidità di Charlson, frazione di eiezione ventricolare sinistra e velocità di filtrazione glomerulare, ha indicato che l'associazione non era significativa. Soltanto l'età e la velocità di filtrazione glomerulare sono risultati predittori indipendenti di sopravvivenza, con un hazard ratio ( HR ) di 1.07 e 0.98, rispettivamente. ( Xagena2011 )

Fonte: American Journal of Cardiology, 2011



Cardio2011



Indietro