Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

L’uso di Marijuana raddoppia il rischio di cardiomiopatia da stress nei giovani uomini


Gli uomini giovani che fanno uso attivo della Marijuana possono presentare un rischio per la cardiomiopatia da stress due volte maggiore e significativa comorbilità rispetto ai non-utilizzatori, nonostante la giovane età e un più favorevole profilo di fattori di rischio cardiaco.

Sono stati identificati 210 soggetti dal database NIS ( Nationwide Inpatient Sample ) che erano stati ricoverati in ospedale con cardiomiopatia da stress e che erano consumatori di Marijuana nel periodo 2003-2011 ( campione totale: n = 33.343 ).
Gli utilizzatori attivi di Marijuana sono stati identificati dalle informazioni fornite dal paziente nella loro storia medica o da un marcatore nelle urine del paziente.
L'età media dei consumatori di Marijuana con cardiomiopatia da stress era di 44 anni e il 64% era di sesso femminile.

Quando i ricercatori hanno eseguito una analisi di regressione binaria multivariata rettificata per i fattori di rischio noti di cardiomiopatia da stress, l'uso della Marijuana era un predittore indipendente di cardiomiopatia da stress ( odds ratio, OR = 1.994; IC 95%, 1.716-2.317 ).

Durante la cardiomiopatia da stress, coloro che avevano fatto uso attivo di Marijuana avevano significativamente più probabilità di avere un arresto cardiaco ( 2.4% vs 0.8% ) e di necessitare dell’impianto di un defibrillatore ( 2.4% vs 0.6% ), rispetto ai non-utilizzatori.

La cardiomiopatia da stress, o il rigonfiamento regionale transitorio del ventricolo, è risultata associata a una significativa morbidità, nonostante la giovane età e il profilo più favorevole dei fattori di rischio cardiaco.

Rispetto ai non-utilizzatori, i consumatori attivi di Marijuana avevano più probabilità di essere più giovani, di essere di sesso maschile e di avere un minor numero di fattori di rischio cardiovascolare come ipertensione arteriosa, diabete mellito e alti livelli di colesterolo.

Di norma la cardiomiopatia da stress si verifica nelle donne anziane in menopausa.

Inoltre, i consumatori di Marijuana avevano maggiore probabilità, rispetto ai non-consumatori, di avere una storia di depressione ( 32.9% vs 14.5% ), psicosi ( 11.9% vs 3.8% ), disturbi d'ansia ( 28.4% vs 16.2% ), alcolismo ( 13.3 % vs 2.8% ), consumo di tabacco ( 73.3% vs 28.6% ) e abuso di sostanze ( 11.4% vs 0.3% ).

Lo studio presenta diversi limiti. A causa del disegno retrospettivo, non è stato possibile determinare la frequenza di uso della Marijuana o l'intervallo di tempo tra l'uso di Marijuana e la manifestazione della cardiomiopatia da stress. ( Xagena2016 )

Cardio2016 Psyche2016



Indietro