Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Le statine ad alta intensità riducono il rischio di mortalità e di amputazione nell'arteriopatia periferica


Nuovi dati hanno mostrato che nei pazienti con malattia arteriosa periferica, l'impiego delle statine, in particolare delle statine ad alta intensità, al momento della diagnosi era collegato a rischi ridotti di decesso e di perdita degli arti.

Le lineeguida dell'American Heart Association / American College of Cardiology [ AHA/ACC ] del 2013 avevano raccomandato che i pazienti con cardiopatia da aterosclerosi avrebbero dovuto assumere le statine ad alta intensità, ma avevano sottolineato che le evidenze per il loro impiego nell'arteriopatia periferica erano basse.

Data la mancanza di prove a sostegno dell'uso delle statine ad alta intensità nei pazienti con arteriopatia periferica, l'obiettivo di un nuovo studio è stato quello di verificare l'effetto dell'intensità delle statine ( sulla base delle linee guida ACC/AHA 2013 ) riguardo all'amputazione e alla mortalità.

Sono stati valutati i dati del database dei Veterans Affairs dal 2003 al 2014.

Dei 155.647 pazienti con arteriopatia inclusi nello studio, il 28% non stava assumendo statine.
La proporzione di pazienti che assumevano statine ad alta intensità era più alta nei pazienti con malattia coronarica o carotidea, comorbida, rispetto alla sola arteriopatia ( 6.4% vs 18.4% ).

Dopo aggiustamento, i pazienti che stavano assumendo le statine ad alta intensità hanno presentato un rischio inferiore del 33% per l'amputazione ( hazard ratio, HR=0.67, IC 95%, 0.61-0.74 ) e un rischio inferiore del 26% per la mortalità ( HR=0.74; IC 95% 0.7-0.77 ), rispetto a quelli che assumevano solo farmaci antiaggreganti.

Inoltre, dopo aggiustamento, i pazienti che stavano assumendo le statine a intensità bassa-moderata avevano un rischio inferiore del 19% per l'amputazione ( HR=0.81, IC 95%, 0.75-0.86 ) e un rischio inferiore del 17% per la mortalità ( HR=0.83; IC 95%, 0.81-0.86 ), rispetto a quelli che stavano assumendo solo farmaci antiaggreganti.
La dimensione dell'effetto è risultata più debole, tuttavia, per coloro che assumevano statine a bassa-moderata intensità, rispetto a statine ad alta intensità, dimostrando una relazione dose-risposta protettiva ( P inferiore a 0.001 ).

Risultati simili sono stati osservati in una analisi comparativa per punteggio di propensione.
Le statine ad alta intensità erano ancora associate a rischi significativamente più bassi per l'amputazione e la mortalità, così come le statine a bassa-moderata intensità, anche se in misura minore.

Sono state, inoltre, condotte analisi per sottogruppi in base all'età, sesso, diabete, malattia coronarica comorbida e razza.
Nel complesso, i dati erano coerenti con i risultati principali, ma sono state anche osservate alcune differenze. Ad esempio, i pazienti di età superiore ai 75 anni avevano un rischio ancora più basso di perdita degli arti inferiori rispetto ai pazienti più giovani quando assumevano statine ad alta intensità.
L'effetto delle statine ad alta intensità sulla mortalità e sul rischio di amputazione è risultato anche amplificato nei pazienti senza diabete, rispetto a quelli con diabete.

Lo studio ha mostrato un beneficio dei pazienti trattati con statine ad alta intensità prima o precocemente dopo la diagnosi di arteriopatia periferica, associato a un minor rischio di morte e di amputazioni nel corso della vita.
Anche le statine a bassa-moderata intensità riducono questi rischi e possono essere utili per i pazienti che non tollerano le statine ad alta intensità. ( Xagena2018 )

Fonte: Circulation, 2018

Cardio2018 Farma2018


Indietro