Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

L’aggiunta della Eparina non è necessaria per i pazienti anticoagulati sottoposti a intervento coronarico percutaneo


L’aggiunta di Eparina non fornisce alcun beneficio rispetto alla terapia anticoagulante orale per i pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ).
Anzi, l'aggiunta di Eparina alla terapia anticoagulante orale può aumentare il rischio di complicanze procedurali in questi pazienti.

Le attuali lineeguida consigliano la terapia ponte con Eparina non-frazionata o Eparina a basso peso molecolare durante l'angiografia coronarica e l’intervento coronarico percutaneo nei pazienti trattati a lungo termine con Warfarin ( Coumadin ) per la fibrillazione atriale.

Recenti studi hanno dimostrato che la terapia anticoagulante orale ininterrotta potrebbe sostituire la terapia ponte con Eparina a causa di un equilibrio favorevole tra emorragie e complicanze trombotiche, ma non è chiaro se sia necessaria l’aggiunta di Eparina nei pazienti sottoposti a procedura PCI durante terapia anticoagulante orale.

Sono state valutate le complicanze emorragiche e gli eventi avversi cardiaci e cerebrovascolari maggiori in 414 pazienti consecutivi con fibrillazione atriale sottoposti a PCI durante anticoagulazione per os periprocedurale ( INR da 2.0 a 3.5 ).

I pazienti sono stati divisi tra quelli con ( n=218 ) o senza ( n=196 ) impiego periprocedurale aggiuntivo di Eparina.

Non sono state riscontrate differenze significative nei principali eventi avversi cardiaci e cerebrovascolari ( 3.2% vs 4.1% ) o nel sanguinamento maggiore ( 3.7% vs 1.0% ) tra i pazienti che hanno e non-hanno ricevuto Eparina.
Di contro, complicanze al sito di iniezione, compresi pseudoaneurismi o fistole artero-venose, emorragie retroperitoneali e necessità di un intervento chirurgico correttivo, sono risultate significativamente più frequenti nei pazienti che hanno ricevuto Eparina, rispetto a quelli che non ne avevano ricevuta ( 11% vs 5.1% ).

Dopo aggiustamento per il punteggio di propensione è emerso che i pazienti trattati con aggiunta di Eparina hanno presentato un significativo rischio 3 volte più alto di complicanze al sito di accesso, rispetto ai pazienti che non hanno ricevuto Eparina.
Questo rischio è aumentato di 5 volte nel sottogruppo di pazienti che sono stati trattati in modo prolungato ( più di 12 ore ) con Eparina con accesso femorale.

L'analisi della propensione non ha, tuttavia, mostrato differenze significative tra i due gruppi nell'incidenza di infarto miocardico, mortalità, rivascolarizzazione del vaso bersaglio, trombosi dello stent, ictus ed eventi avversi cardiaci e cerebrovascolari. ( Xagena2012 )

Fonte: American Journal of Cardiology, 2012


Cardio2012 Farma2012


Indietro