Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

La disfunzione erettile è in grado di predire in modo indipendente gli eventi cardiovascolari


Da uno studio è emerso che la disfunzione erettile è un predittore indipendente di futuri eventi di malattia cardiovascolare.
Il rischio associato con la disfunzione erettile e gli eventi cardiovascolari è attribuibile con molta probabilità ai comuni fattori di rischio condivisi dalle due condizioni, tra cui fumo, ipertensione, obesità e diabete mellito.

Sono stati arruolati 1757 pazienti di sesso maschile ( età media 69 ± 9.2 anni ) da MESA ( Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis ) che hanno partecipato a 5 visite nel corso dello studio e sono stati considerati soffrire di disfunzione erettile in base a una risposta positiva alla domanda sui sintomi di disfunzione erettile posta nello studio MMAS ( Massachusetts Male Aging Study ).
Tutti i pazienti erano liberi da eventi cardiovascolari e da eventi coronarici prima dell'arruolamento.

Durante il follow-up di 3.8 anni, sono stati valutati tutti gli eventi avversi coronarici ( morte per malattia coronarica, arresto cardiaco rianimato e infarto del miocardio ) e gli eventi avversi cardiovascolari ( tutti gli eventi coronarici più ictus e mortalità per ictus ).

Circa la metà ( 45.8% ) dei partecipanti allo studio ha riferito sintomi di disfunzione erettile.
Il diabete mellito e una storia familiare di malattia coronarica erano più comuni tra i partecipanti con disfunzione erettile rispetto ai partecipanti senza questo disturbo.
Inoltre, quelli con disfunzione erettile hanno riferito di usare farmaci antipertensivi, antidepressivi, beta-bloccanti e ipolipemizzanti più frequentemente rispetto agli individui senza disfunzione erettile.

Durante il follow-up, si sono verificati un numero significativamente maggiore di eventi coronarici e cardiovascolari nei partecipanti con disfunzione erettile versus partecipanti senza dsfunzione erettile ( eventi coronarici: 3.4% vs 1.4%; P inferiore a 0.001; eventi cardiovascolari: 6.3% vs 2.6%; P inferiore a 0.001 ).

I modelli di Cox non-aggiustati hanno mostrato che la disfunzione erettile forniva un valore prognostico significativo per eventi cardiovascolari maggiori ( hazard ratio, HR=2.6; IC 95%, 1.6-4.1 ) e gli eventi coronarici maggiori ( HR=2.5; IC 95%, 1.3-4.8 ).

Nell'analisi completamente corretta, il valore predittivo della disfunzione erettile per gli eventi cardiovascolari futuri è persistito ( HR=1.9, IC 95%, 1.1-3.4 ).

Tuttavia, non è stato trovato alcun valore predittivo significativo nell'analisi aggiustata della disfunzione erettile per gli eventi coronarici maggiori.

I limiti dello studio includevano la relativa durata del follow-up relativamente breve e la dipendenza da un singolo item del questionario per determinare la disfunzione erettile.

Lo studio ha fornito ulteriori evidenze sulla associazione indipendente tra disfunzione erettile e malattia cardiovascolare incidente e potrebbero avere importanti implicazioni cliniche per la stratificazione del rischio negli uomini di mezza età. ( Xagena2018 )

Fonte: Circulation, 2018

Cardio2018 Uro2018



Indietro