Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Inclisiran associato alla riduzione del 50% di colesterolo LDL nei pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica in terapia con statina alla dose massima tollerata


Un piccolo RNA interferente, Inclisiran, riduce la sintesi di proproteina convertasi subtilisina-kexina di tipo 9 a livello epatico.
Uno studio ha mostrato che la somministrazione sottocutanea di Inclisiran ogni 6 mesi riduce i livelli di colesterolo LDL del 50% nei pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica ( ASCVD ) o equivalenti di rischio ASCVD nei pazienti sottoposti a un regime statinico massimamente tollerato.

In questo studio, 1561 pazienti con malattia ASCVD e 1617 pazienti con un equivalente di rischio ASCVD sono stati arruolati in due studi clinici ( rispettivamente ORION-10 e ORION-11 ) e seguiti per 18 mesi.
I partecipanti allo studio erano sottoposti a terapia con statine alla dose massima tollerata per gestire elevati livelli di colesterolo LDL.
In ogni studio, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale in un rapporto 1:1 a ricevere Inclisiran per via sottocutanea 284 mg ( n = 781 in ORION-10 e n = 810 in ORION-11 ) oppure a placebo ( n = 780 in ORION-10 e n = 807 in ORION -11 ).
Le iniezioni sono state somministrate al basale, a 90 giorni e successivamente ogni 6 mesi fino a 540 giorni.

Gli esiti co-primari di entrambi gli studi erano: variazione percentuale del livello di colesterolo LDL corretta per il placebo dal giorno 1 al giorno 510, e variazione percentuale del livello di colesterolo LDL corretta per il tempo dal basale dopo il giorno 90 al giorno 540.

I livelli medi di colesterolo LDL al basale erano 104.7 ± 38.3 mg/dL ( 2.71 ± 0.99 mmol/L ) in ORION-10 e 105.5 ± 39.1 mg/dL ( 2.73 ± 1.01 mmol/L ) in ORION-11.

A 510 giorni, il trattamento con Inclisiran è risultato associato a una riduzione dei livelli di colesterolo LDL rispetto al placebo:

a) studio ORION-10: riduzione, 52.3% ( IC 95%, da -55.7 a -48.8; P inferiore a 0.001; riduzione tempo-corretta, 53.8%; IC 95%, da -56.2 a -51.3; P inferiore a 0.001 );

b) studio ORION-11: riduzione, 49.9% ( IC al 95%, da -53.1 a -46.6; P inferiore a 0.001; riduzione tempo-corretta, 49.2%; IC 95%, da -51.6 a -46.8; P inferiore a 0.001 ).

Sebbene gli eventi avversi si siano verificati a tassi comparabili e fossero di natura simile nei due gruppi, una percentuale maggiore di pazienti trattati con Inclisiran, versus placebo, ha riportato eventi avversi nel sito di iniezione nello studio ORION-10 ( 2.6% vs 0.9%, rispettivamente ) e nello studio ORION-11 ( 4.7% vs 0.5%, rispettivamente ).
Le reazioni al sito di iniezione sono state per lo più lievi, senza complicazioni persistenti o gravi. ( Xagena2020 )

Fonte. The New England Juornal of Medicine, 2020

Cardio2020 Endo2020 Farma2020


Indietro