Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Il testosterone alla base del rischio cardiovascolare nelle donne in postmenopausa


Il rapporto testosterone / estradiolo nelle donne in postmenopausa è risultato associato a un maggior rischio di infarto miocardico, ictus e insufficienza cardiaca nell'arco di 12 anni.
E' anche emerso un legame tra i livelli più elevati di testosterone totale e un più elevato rischio di malattia cardiovascolare, mentre livelli elevati di estradiolo erano associati a un minor rischio di malattia coronarica.

Nelle donne in postmenopausa, i livelli di estrogeni si riducono in maniera considerevole mentre le ovaie continuano a produrre testosterone.

L'analisi ha riguardato 2.834 donne in postmenopausa che hanno preso parte a MESA ( Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis ), uno studio prospettico di coorte negli Stati Uniti.
Al basale ( periodo 2000-2002 ), le partecipanti non presentavano malattia cardiovascolare. Quasi un terzo ( n=900 ) era in trattamento con terapia ormonale.

La malattia coronarica incidente è stata definita come infarto miocardico definito o probabile, arresto cardiaco abortito, angina definita o probabile ( se seguita da rivascolarizzazione ) e morte per malattia coronarica.

Gli eventi cardiovascolari incidenti includevano coronaropatia incidente più ictus, morte per ictus, altra morte per malattia aterosclerotica e altri morti di natura cardiovascolare.

Il periodo mediano di follow-up è stato di 12.1 anni.

Dopo aggiustamenti, l'hazard ratio ( HR ) per malattia cardiovascolare associato al rapporto testosterone / estradiolo è stato pari a 1.19.

Gli hazard ratio per malattia coronarica e per insufficienza cardiaca erano, rispettivamente, pari a 1.45 e 1.31.

Anche i livelli di testosterone totale sono risultati associati a un maggior rischio di malattia cardiovascolare ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.14 ) e di malattia coronarica ( aHR=1.20 ), ma non erano associati in modo significativo a tutti gli scompensi cardiaci ( aHR=1.09 ).

Una correlazione è stata vista tra i livelli di estradiolo e un più basso rischio di malattia coronarica ( aHR=0.77 ), con una tendenza non-significativa per un minor rischio di insufficienza cardiaca.

I livelli di testosterone da soli sono risultati associati a un maggior rischio cardiovascolare, e i livelli di estradiolo da soli erano inversamente associati alla malattia coronarica, ma il loro rapporto era il predittore più forte.

E' stato anche valutato lo scompenso cardiaco con frazione di eiezione conservata ( HFpEF ), con frazione di eiezione del 45% o superiore, e lo scompenso cardiaco con frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ), caratterizzato da una frazione di eiezione inferiore al 45%, in modo separato dalla malattia cardiovascolare incidente globale.

Il rapporto testosterone / estradiolo era associato positivamente, e sia l'estradiolo che il DHEA ( Deidroepiandrosterone ) erano inversamente associati con HFrEF, ma non con HFpEF, il tipo più comune nelle donne anziane.

Si ritiene che la riduzione dell'estradiolo durante la menopausa influenzi in modo differenziale i processi di rimodellamento vascolare e cardiaco che portano al fenotipo HFrEF o al fenotipo HFpEF.

I più bassi livelli di estradiolo sono associati all'ipertensione, un fattore di rischio per HFrEF.
Nello studio, l'estradiolo era associato alla malattia coronarica, che può contribuire pin misura maggiore a HFrEF che a HFpEF.

I livelli di DHEA e SHBG ( globulina legante gli ormoni sessuali ) non erano associati a malattia cardiovascolare, coronaropatia o scompenso cardiaco, complessivamente.
Tuttavia, SHBG era associato a un maggior rischio di malattia coronarica nelle donne che non assumevano terapia ormonale. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of the American College of Cardiology, 2018

Cardio2018 Endo2018



Indietro