Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Il Nitrito di sodio non conferisce alcun vantaggio in termini di sopravvivenza nell'arresto cardiaco extraospedaliero


Il Nitrito di sodio per via endovenosa ( IV ) somministrato per arresto cardiaco extra-ospedaliero non ha avuto effetti sulla sopravvivenza al ricovero o alla dimissione ospedaliera rispetto al placebo.
Inoltre, il Nitrito di sodio non ha mostrato effetti avversi significativi sull'emodinamica del paziente rispetto al placebo.

Per questo studio randomizzato in doppio cieco, a 1.492 pazienti adulti incoscienti con arresto cardiaco extra-ospedaliero è stato somministrato Nitrito di sodio IV ( 45 mg o 60 mg ) oppure placebo a circa 22 minuti dalla chiamata d'emergenza.

Non sono state osservate differenze significative nella sopravvivenza rispetto al ricovero in ospedale tra i tre gruppi ( P superiore a 0.5 ).
La sopravvivenza è risultata maggiore nei pazienti con fibrillazione ventricolare ( P superiore a 0.05 ).

Inoltre, riguardo alla sopravvivenza alla dimissione ospedaliera, non è stata riscontrata alcuna differenza tra il Nitrito di sodio 60 mg rispetto al placebo ( P = 0.53) o il Nitrito di sodio 45 mg versus placebo ( P = 0.21 ).

Gli studi sugli animali avevano dimostrato che la somministrazione di Nitrito di sodio durante la rianimazione fosse in grado di migliorare la sopravvivenza di quasi il 50%, e questo aveva indotto ad eseguire lo studio randomizzato.
Tuttavia, da questo studio è emerso che il Nitrito di sodio non ha migliorato significativamente la sopravvivenza al ricovero o alla dimissione ospedaliera nei pazienti colpiti da arresto cardiaco extra-ospedaliero.
Questi dati hanno indicato che l'uso del Nitrito di sodio per l'arresto cardiaco extraospedaliero debba essere abbandonato.

Rispetto ai pazienti assegnati al placebo, quelli trattati con Nitrito di sodio 60 mg hanno presentato una diminuzione di 5 mmHg nella pressione sistolica mentre quelli trattati con Nitrito di sodio 45 mg hanno avuto una riduzione di 8 mmHg.

Non è stata inoltre riscontrata alcuna differenza tra i tre gruppi nei pazienti trattati con vasopressori per l'ipotensione entro le prime 24 ore dal ricovero.

Lo studio è stato condotto nella Contea di King nello Stato di Washington ( Stati Uniti ), e ha riguardato adulti con arresto cardiaco extraospedaliero e accesso endovenoso / intraosseo.
I pazienti sono stati esclusi se di età inferiore ai 18 anni, con arresto cardiaco traumatico, in stato di gravidanza o con arresto per annegamento. ( Xagena2020 )

Fonte: American College of Cardiology ( ACC ) Virtual Meeting, 2020

Cardio2020 Farma2020


Indietro