Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

I pazienti anziani non sembrano trarre vantaggio dall’impianto di defibrillatore cardioverter durante ricovero per aggravamento della insufficienza cardiaca


Da un’analisi real world è emerso che i vantaggi della terapia con defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ) non sembrano applicarsi ai pazienti anziani che ricevono il dispositivo durante il ricovero per aggravamento dell'insufficienza cardiaca o per altre comorbidità acute.

E’stato condotto uno studio di coorte retrospettivo utilizzando il Registro ICD dei Centri Medicare e Medicaid Services e il Registro ICD della American College of Cardiology ( ACC ) - National Cardiovascular Data Registry.

La popolazione dello studio comprendeva 23111 pazienti di età uguale o superiore ai 66 anni con insufficienza cardiaca, con e senza ICD che erano stati ricoverati per eventi acuti di insufficienza cardiaca o per comorbidità, e che erano stati considerati ammissibili per la terapia ICD per la prevenzione primaria.
Di questi pazienti, 5258 avevano ricevuto un impianto di ICD e 17853 no.

Durante un follow-up medio di 2.8 anni, il 53% della coorte era deceduto.

Il tasso grezzo di mortalità a 1 anno era più basso per i riceventi un ICD [ 18% ] contro il 39% per i pazienti idonei ma senza ICD; a 3 anni il tasso di mortalità ha raggiunto il 40% tra i riceventi il defibrillatore cardioverter contro il 60% per i pazienti senza ICD.

I tassi di mortalità grezzi a 1 anno nei pazienti Medicare ricoverati con ICD sono risultati in realtà simili ai tassi di mortalità osservati a 3 anni in studi clinici nei pazienti con impianto di ICD.

Dopo l'aggiustamento per una serie di fattori confondenti, i pazienti che avevano ricevuto un impianto di ICD durante un ricovero per insufficienza cardiaca acuta o per altre comorbidità, non avevano un rischio notevolmente inferiore di mortalità ( hazard ratio, HR=0.91 ) o di morte cardiaca improvvisa ( HR=0.95 ) rispetto a quelli che non avevano ricevuto un ICD.

Non è stata trovata alcuna differenza significativa nella efficacia dell’ICD tra la maggior parte dei sottogruppi demografici, con l'eccezione di un piccolo gruppo di pazienti di età superiore agli 81 anni.

Tra questi pazienti più anziani, l’uso dell’ICD è risultato associato a un rischio di mortalità più basso del 22% ( HR=0.78 ), senza produrre una significativa riduzione del rischio di morte cardiaca improvvisa.

Allo stesso modo, tra i pazienti con un precedente infarto miocardico, la terapia ICD è risultata associata a un rischio di mortalità più basso del 37% ( HR=0.63 ) e a una non-significativa riduzione del 26% di morte cardiaca improvvisa.

L’uso di un ICD è stato anche associato a un rischio inferiore del 36% di morte e a un minor rischio del 49% di morte cardiaca improvvisa tra i pazienti con blocco di branca sinistra, sebbene gli intervalli di confidenza fossero ampi. ( Xagena2015 )

Fonte: British Medical Journal 2015

Cardio2015



Indietro