Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Guida con tomografia a coerenza ottica o angiografia per intervento coronarico percutaneo nelle lesioni complesse della biforcazione


L'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) guidato dall'imaging è associato a esiti clinici migliori rispetto all’intervento coronarico percutaneo guidato dall'angiografia.
Non è chiaro se la guida di routine con la tomografia a coerenza ottica ( OCT ) nell’intervento coronarico percutaneo delle lesioni che coinvolgono i punti di branca dell'arteria coronaria ( biforcazioni ) migliori gli esiti clinici rispetto alla guida angiografica.

È stato condotto uno studio multicentrico, randomizzato e in aperto in 38 Centri in Europa. I pazienti con indicazione clinica per intervento coronarico percutaneo e una lesione complessa della biforcazione identificata mediante angiografia coronarica sono stati assegnati in modo casuale a intervento coronarico percutaneo guidato da tomografia a coerenza ottica o a intervento coronarico percutaneo guidato dall'angiografia.

L'endpoint primario era un composito di eventi cardiaci avversi maggiori ( MACE ), definiti come morte per causa cardiaca, infarto miocardico della lesione target o rivascolarizzazione della lesione target guidata da ischemia con un follow-up mediano di 2 anni.

Sono stati assegnati 1.201 pazienti a intervento coronarico percutaneo guidato da tomografia a coerenza ottica ( 600 pazienti ) o a intervento coronarico percutaneo guidato da angiografia ( 601 pazienti ).

In totale 111 pazienti ( 18.5% ) nel gruppo di intervento coronarico percutaneo guidato da tomografia a coerenza ottica e 116 ( 19.3% ) nel gruppo di intervento coronarico percutaneo guidato da angiografia avevano una lesione alla biforcazione che coinvolgeva l'arteria coronaria principale sinistra.

A 2 anni, un evento di endpoint primario si è verificato in 59 pazienti ( 10.1% ) nel gruppo di intervento coronarico percutaneo guidato da tomografia a coerenza ottica e in 83 pazienti ( 14.1% ) nel gruppo di intervento coronarico percutaneo guidato da angiografia ( hazard ratio, HR=0.70; P=0.035 ).

Complicazioni correlate alla procedura si sono verificate in 41 pazienti ( 6.8% ) nel gruppo di intervento coronarico percutaneo guidato da tomografia a coerenza ottica e in 34 pazienti ( 5.7% ) nel gruppo di intervento coronarico percutaneo guidato da angiografia.

Tra i pazienti con lesioni complesse della biforcazione dell’arteria coronaria, l’intervento coronarico percutaneo guidato da tomografia a coerenza ottica è stato associato a un’incidenza inferiore di MACE a 2 anni rispetto all’intervento coronarico percutaneo guidato da angiografia. ( Xagena2023 )

Holm NR et al, N Engl J Med 2023; 389: 1477-1487

Cardio2023



Indietro