Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Gli inibitori della pompa protonica possono aumentare il rischio di infarto miocardico


I ricercatori hanno valutato i dati su 2.9 milioni di pazienti per valutare il possibile legame tra impiego dell’inibitore della pompa protonica ( PPI ) e rischio cardiovascolare.

I dati sono stati ottenuti dal database STRIDE della Stanford University ( 1.8 milioni di pazienti ) e da un sistema di registrazione sanitaria elettronica della Practice Fusion ( 1.1 milioni di pazienti ).
STRIDE ha incluso i dati per il periodo 1994-2011, e il database basato sul Web ha incluso i dati per il periodo 2007-2012.

I dati sono stati valutati per l'uso di inibitori della pompa protonica dopo una indicazione per la malattia da reflusso gastroesofageo ( MRGE ), seguita da incidenza di infarto miocardico.

Gli inibitori della pompa protonica valutati hanno incluso: Dexlansoprazolo, Esomeprazolo, Lansoprazolo, Omeprazolo, Pantoprazolo e Rabeprazolo.

Un legame tra uso di inibitori della pompa protonica e infarto miocardico è stato osservato in entrambi i set di dati.
Il database STRIDE comprendeva 70.477 pazienti adulti affetti da malattia da reflusso gastroesofageo, 22.411 dei quali sono andati incontro a infarto miocardico e il 45.9% di questi aveva utilizzato uno o più inibitori della pompa protonica.

Tra questi pazienti, i ricercatori hanno calcolato un odds ratio ( OR ) aggiustato per infarto miocardico di 1.16 ( 95% CI, 1.09-1.24 ).
Questa associazione variava leggermente in base all’inibitore utilizzato ( range 1.08-1.34 ).

La relazione osservata si è mantenuta anche dopo l'esclusione dei pazienti trattati con Clopidogrel ( OR aggiustato = 1.14; 95% CI, 1.06-1.24 ).

I ricercatori hanno osservato che i pazienti trattati con i farmaci anti-H2 ( antagonisti dei recettori H2 dell’istamina ), una terapia alternativa per la malattia da reflusso gastroesofageo, non hanno presentato un aumento del rischio di infarto miocardico ( OR aggiustato = 0.93; 95% CI, 0.86-1.02 ).

L’analisi del secondo set di dati, che comprendeva 227.438 pazienti con malattia da reflusso gastroesofageo, ha portato a risultati simili a quelli del database STRIDE ( OR aggiustato = 1.19; 95% CI, 1.09-1.3 ).

I ricercatori hanno anche valutato i dati raccolti da 1503 pazienti arruolati nello studio prospettico di coorte GenePAD, ed è emerso un aumento significativo del rischio di mortalità cardiovascolare negli utilizzatori di inibitori della pompa protonica dopo aggiustamento per le comorbidità cardiovascolari ( hazard ratio, HR = 2; 95% CI, 1.07-3.78 ).
In modo simile all'analisi STRIDE, i farmaci anti-H2 non sono risultati associati a un aumentato rischio in questa popolazione ( HR= 1; 95% CI, 0.14-7.26 ). ( Xagena2015 )

Fonte: PLoS One, 2015

Gastro2015 Cardio2015 Farma2015


Indietro