Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Farmaci ipocolesterolemizzanti: riduzione del rischio cardiovascolare aggiungendo Ezetimibe a Simvastatina nei pazienti ad alto rischio con sindrome coronarica acuta


Aggiungendo il farmaco Ezetimibe al trattamento con Simvastatina si ottiene una riduzione del rischio di futuri eventi cardiovascolari, tra cui infarto del miocardio e ictus, nei pazienti ad alto rischio con sindrome coronarica acuta.
I nuovi dati hanno indicato che i pazienti ad alto rischio che assumevano Simvastatina possono beneficiare di una ulteriore riduzione dei livelli di colesterolo LDL.

Rispetto ai pazienti con malattia coronarica a cui era stata prescritta la Simvastatina più un placebo, coloro che hanno assunto Simvastatina più Ezetimibe hanno presentato un rischio inferiore del 6.4% di tutti gli eventi cardiovascolari, un rischio inferiore del 14% di tutti gli infarti miocardici, un rischio inferiore del 14% di ictus, e un rischio inferiore del 21% di ictus ischemico.
Non è stata osservata differenza tra i gruppi riguardo ai decessi per malattie cardiovascolari.

I pazienti sono stati seguiti in media per circa 6 anni, e alcuni fino a 8.5 anni.

Quasi 2 pazienti su 100 trattati per 7 anni hanno evitato di andare incontro a un infarto del miocardio o a un ictus. ( numero necessario da trattare; NNT = 50 )
.
La sindrome coronarica acuta è un termine ombrello che comprende l’infarto miocardico sia con sopraslivellamento ST sia senza, e l’angina instabile.

Lo studio, denominato IMPROVE-IT ( IMProved Reduction of Outcomes: Vytorin Efficacy International Trial ), ha coinvolto 1.158 Centri in 39 Paesi.
Lo studio ha arruolato 18.144 pazienti con sindrome coronarica acuta, di età uguale o superiore ai 50 anni, con livelli di colesterolo LDL pari o inferiori a 125, o inferiori a 100 nel caso in cui i pazienti facessero gia uso di un trattamento statinico.

I pazienti, arruolati entro 10 giorni dalla ospedalizzazione per infarto miocardico o angina instabile, erano ad alto rischio.
Circa 5.000 di loro avevano subito un attacco di cuore a tutto spessore conosciuto come infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( STEMI ). I restanti 13.000 pazienti avevano subito un attacco di cuore non-STEMI o avevano angina instabile, definita da un peggioramento dei dolori al petto.
I pazienti presentavano inoltre almeno una caratteristica che li metteva ad alto rischio per un altro evento cardiovascolare, tra cui un precedente infarto miocardico, il diabete mellito, l’arteriopatia periferica o la malattia cerebrovascolare, la malattia coronarica multivasale, oppure in passato erano stati sottoposti a un intervento chirurgico di bypass.

Le statine, come Simvastatina, arrestano la produzione di colesterolo nel fegato, mentre Ezetimibe, un inibitore dell’assorbimento di colesterolo, riduce l'assorbimento di colesterolo nell'intestino.
Nello studio, la doppia terapia ha ridotto il colesterolo LDL dei pazienti a una media di 54 mg/dl, rispetto a 69 mg/dl per quelli trattati con statina e placebo.

L'aggiunta di Ezetimibe non ha aumentato il rischio di effetti negativi, a livello epatico o muscolare.
Non è stato riscontrato un incremento della incidenza di cancro tra i pazienti.

Oltre un decennio fa, i ricercatori del TIMI Study Group, presso il Brigham and Women 's Hospital ( BWH ) a Boston ( Stati Uniti ) avevano dimostrato che una statina ad alto dosaggio, in grado di abbassare il colesterolo oltre il lvello ottenibile con una statina a dosaggio normale, era in grado di migliorare i risultati clinici.
Ma non era stato chiarito se l’ulteriore riduzione dei livelli di colesterolo LDL fosse associata a una riduzione degli eventi cardiovascolari.
I risultati dello studio IMPROVE-IT hanno ora fornito la risposta. ( Xagena2014 )

Fonte: American Heart Association Meeting, 2014

Endo2014 Neuro2014 Cardio2014 Farma2014


Indietro