Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Effetti di Anacetrapib nei pazienti con malattia vascolare aterosclerotica


I pazienti con malattia vascolare aterosclerotica rimangono ad alto rischio di eventi cardiovascolari nonostante un efficace trattamento dei livelli di colesterolo LDL a base di statine.
L'inibizione della proteina di trasferimento degli esteri del colesterolo ( CETP ) da parte di Anacetrapib riduce i livelli di colesterolo LDL e aumenta i livelli di colesterolo HDL.
Tuttavia, studi di altri inibitori di CETP hanno mostrato effetti neutri o avversi sugli esiti cardiovascolari.

È stato condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo che ha coinvolto 30.449 adulti con malattia vascolare aterosclerotica sottoposti a terapia intensiva con Atorvastatina ( Torvast ) e con un livello medio di colesterolo LDL di 61 mg per decilitro ( 1.58 mmol per litro ), un valore medio di colesterolo non-HDL di 92 mg per decilitro ( 2.38 mmol per litro ) e un livello medio di colesterolo HDL di 40 mg per decilitro ( 1.03 mmol per litro ).

I pazienti sono stati assegnati a ricevere 100 mg di Anacetrapib una volta al giorno ( 15.225 pazienti ) o un placebo corrispondente ( 15.224 pazienti ).

L'esito primario era il primo evento coronarico maggiore, un composito di morte coronarica, infarto miocardico o rivascolarizzazione coronarica.

Durante un periodo di follow-up mediano di 4.1 anni, l’esito primario si è verificato in un numero significativamente inferiore di pazienti nel gruppo Anacetrapib rispetto al gruppo placebo ( 1.640 su 15.225 pazienti, 10.8%, vs 1.803 su 15.224 pazienti, 11.8%; rate ratio, RR=0.91, P=0.004 ).

La differenza relativa di rischio è stata simile tra più sottogruppi prespecificati.

Al punto medio dello studio, il livello mediano di colesterolo HDL è stato più alto per 43 mg per decilitro ( 1.12 mmol per litro ) nel gruppo Anacetrapib rispetto al gruppo placebo ( differenza relativa 104% ) e il livello mediano di colesterolo non-HDL è risultato più basso per 17 mg per decilitro ( 0.44 mmol per litro, differenza relativa -18% ).

Non ci sono state differenze significative tra i gruppi nel rischio di morte, cancro o altri eventi avversi gravi.

In conclusione, tra i pazienti con malattia vascolare aterosclerotica sottoposti a terapia intensiva con statine, l'uso di Anacetrapib ha comportato una minore incidenza di eventi coronarici maggiori rispetto all'uso del placebo. ( Xagena2017 )

The HPS3/TIMI55–REVEAL Collaborative Group, N Engl J Med 2017; 377: 1217-1227

Cardio2017 Endo2017 Farma2017


Indietro