Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Effetti della Serelaxina nei pazienti con insufficienza cardiaca acuta


La Serelaxina è una forma ricombinante della relaxina-2 umana, un ormone vasodilatatore che contribuisce agli adattamenti cardiovascolari e renali durante la gravidanza.
Precedenti studi hanno suggerito che il trattamento con Serelaxina può causare sollievo dai sintomi ed esiti migliori nei pazienti con insufficienza cardiaca acuta.

In uno studio multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo, guidato dagli eventi, sono stati arruolati pazienti ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca acuta e dispnea, congestione vascolare alla radiografia del torace, aumento delle concentrazioni plasmatiche di peptidi natriuretici, insufficienza renale da lieve a moderata e pressione arteriosa sistolica di almeno 125 mm Hg e sono stati assegnati casualmente entro 16 ore dalla presentazione a ricevere un'infusione endovenosa di 48 ore di Serelaxina ( 30 mcg per kg di peso corporeo al giorno ) oppure placebo, oltre alle cure standard.

I due endpoint primari erano la morte per cause cardiovascolari a 180 giorni e il peggioramento dell'insufficienza cardiaca a 5 giorni.

In totale 6.545 pazienti sono stati inclusi nell'analisi intention-to-treat.

Al giorno 180, la morte per cause cardiovascolari era avvenuta in 285 pazienti su 3.274 ( 8.7% ) nel gruppo Serelaxina e in 290 su 3.271 ( 8.9% ) nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.98; P=0.77 ).

Al giorno 5, si era verificato un peggioramento dell'insufficienza cardiaca in 227 pazienti ( 6.9% ) nel gruppo Serelaxina e in 252 ( 7.7% ) nel gruppo placebo ( HR=0.89; P=0.19 ).

Non ci sono state differenze significative tra i gruppi nell'incidenza della morte per qualsiasi causa a 180 giorni, l'incidenza della morte per cause cardiovascolari o la riospedalizzazione per insufficienza cardiaca o insufficienza renale a 180 giorni o la durata della degenza ospedaliera indice.
L'incidenza di eventi avversi è stata simile nei due gruppi.

In questo studio che ha coinvolto pazienti ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca acuta, una infusione di Serelaxina non ha comportato una minore incidenza di decessi per cause cardiovascolari a 180 giorni o peggioramento dell'insufficienza cardiaca a 5 giorni rispetto al placebo. ( Xagena2019 )

Metra M et al, N Engl J Med 2019; 381: 716-726

Cardio2019 Farma2019


Indietro