Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Dapagliflozin riduce gli eventi cardiovascolari e renali nella nefropatia cronica, indipendentemente dallo stato di diabete


Nello studio DAPA-CKD, il trattamento con l'inibitore SGLT2 Dapagliflozin ( Farxiga ) ha ridotto il rischio di peggioramento della funzione renale e morte per malattia cardiovascolare o malattia renale in pazienti con nefropatia cronica, indipendentemente dal diabete di tipo 2.

Durante un follow-up mediano di 2.4 anni, l'endpoint composito primario di peggioramento della funzione renale ( definito come un calo sostenuto di almeno il 50% nella velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] o insorgenza di malattia renale allo stadio terminale ) o di decesso a causa di malattia renale o malattia cardiovascolare è stato ridotto del 39% con Dapagliflozin 10 mg rispetto al placebo ( hazard ratio, HR = 0.61; IC 95%, 0.51-0.72 ).
Sono stati riportati 197 eventi dell'endpoint primario nel gruppo Dapagliflozin rispetto a 312 eventi nel gruppo placebo.

Più del 67% dei pazienti nello studio DAPA-CKD soffriva di diabete al basale. L'effetto di Dapagliflozin sull'endpoint primario era coerente nei pazienti con diabete di tipo 2 ( HR = 0.64; IC 95%, 0.52-0.79 ) e senza ( HR = 0.5; IC 95%, 0.35-0.72 ).
Gli effetti erano coerenti anche nelle analisi prespecificate di sottogruppi sulla base del rapporto albumina / creatinina ( ACR ) urinaria e di eGFR al basale.

Inoltre, Dapagliflozin ha ridotto tutti e tre gli endpoint secondari rispetto al placebo: riduzione del 44% del peggioramento della funzionalità renale o morte per insufficienza renale ( HR = 0.56; IC 95%, 0.45-0.68 ); riduzione del 31% della mortalità per tutte le cause ( HR = 0.69; IC 95%, 0.53-0.88 ); riduzione del 29% dei ricoveri per scompenso cardiaco o morte cardiovascolare ( HR = 0.71; IC 95%, 0.55-0.92 ).
Dapagliflozin ha anche ridotto significativamente l'endpoint prespecificato di dialisi cronica, trapianto di rene o morte per cause renali.

Lo studio DAPA-CKD era stato interrotto precocemnte dopo che gli sperimentatori avevano segnalato un vantaggio schiacciante per l'endpoint primario.

La sicurezza e la tollerabilità di Dapagliflozin erano coerenti con il profilo stabilito. L'interruzione del trattamento a causa di un evento avverso si è verificata nel 5.5% nel gruppo Dapagliflozin contro il 5.7% nel gruppo placebo.
La percentuale di pazienti che hanno manifestato un evento avverso grave è stata del 29.5% con Dapagliflozin rispetto al 33.9% con placebo.
La chetoacidosi diabetica non è stata riportata in nessun paziente assegnato a Dapagliflozin e non ci sono state segnalazioni di chetoacidosi diabetica o ipoglicemia grave nei pazienti affetti da diabete.

Lo studio di fase 3 DAPA-CKD ha arruolato 4.304 pazienti in 386 centri in 21 Paesi. L'età media era di 62 anni e il 67% era composto da uomini.
Al basale, tutti i pazienti avevano un eGFR tra 25 e 75 mL/min/1.73 m2, un rapporto albumina / creatinina urinaria da 200 mg/g a meno di 5.000 mg/g, e stavano già ricevendo una terapia di base stabile e tollerata con un ACE inibitore o un bloccante del recettore dell'angiotensina per almeno 4 settimane. ( Xagena2020 )

Fonte: ESC ( European Society of Cardiology ) Digital Congress, 2020

Cardio2020 Nefro2020 Endo2020 Farma2020


Indietro