Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Brilique nella prevenzione degli eventi aterotrombotici nei pazienti con sindromi coronariche acute


Il 23 settembre 2010 il Comitato per i Prodotti Medicinali per Uso Umano ( CHMP ) ha adottato un parere positivo, raccomandando il rilascio dell'autorizzazione all'immissione in commercio del medicinale Brilique 90 mg compresse rivestite con film.

Brilique, co-somministrato con Acido Acetilsalicilico ( ASA; Aspirina ), è indicato nella prevenzione degli eventi trombotici ( morte cardiovascolare, infarto miocardico e ictus ) nei pazienti con sindromi coronariche acute ( angina instabile, infarto miocardico senza innalzamento del tratto ST [ NSTEMI ] o infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST [ STEMI ] ), nei pazienti in terapia medica, e in quelli sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) o a by-pass coronarico ( CABG ).

Il principio attivo di Brilique è Ticagrelor, che si lega in modo selettivo e reversibile al recettore dell’adenosina difosfato, agendo come antagonista del recettore dell’ADP P2Y12, prevenendo l'attivazione piastrinica e l’aggregazione ADP-mediata.

I benefici del trattamento con Brilique sono rappresentati dalla sua capacità di rapida e reversibile inibizione dell'aggregazione piastrinica, in grado di prevenire eventi trombotici nei pazienti con sindromi coronariche acute.

Gli effetti collaterali più comuni di Brilique sono: dispnea, ecchimosi ed epistassi.

L'indicazione approvata è: Brilique, co-somministrato con Acido Acetilsalicilico, è indicato nella prevenzione degli eventi aterotrombotici in pazienti adulti con sindromi coronariche acute ( angina instabile, infarto NSTEMI, infarto STEMI ), nei pazienti in terapia medica o sottoposti a procedura PCI o a CABG. ( Xagena2010

Fonte: EMA, 2010


Cardio2010 Farma2010


Indietro