52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Alti valori pressori durante la gravidanza aumentano il rischio cardiovascolare a lungo termine


La pressione arteriosa alta durante la gravidanza può aumentare il rischio di malattie cardiache e renali e di diabete mellito, più tardi nel corso della vita.

Sono state esaminate le forme meno gravi di ipertensione che sono più comuni nelle donne in gravidanza.

Un totale di 10.314 donne finlandesi che hanno avuto bambini nel 1966 sono state seguite per 40 anni; è stato calcolato il rischio di malattie cardiache, malattie renali o diabete mellito in età avanzata tra le donne con ipertensione durante la gravidanza.

L’ipertensione gestazionale è risultata associata ad un aumentato rischio di cardiopatia ischemica ( hazard ratio, HR=1.44 ), infarto miocardico ( HR=1.75 ), mortalità per infarto miocardico ( HR=3.0 ), insufficienza cardiaca ( HR=1.78 ), ictus ischemico ( HR=1.59 ), malattia renale ( HR=1.91 ) e diabete ( HR=1.52 ).

È stata inoltre rilevata un'associazione tra ipertensione diastolica isolata e aumento del rischio di cardiopatia ischemica ( HR=1.42 ).

L’ipertensione sistolica isolata è stata associata ad un aumentato rischio di morte per infarto miocardico ( HR=2.15 ), insufficienza cardiaca ( HR=1.43 ) e diabete ( HR=1.42 ).

Le donne che hanno manifestato ipertensione durante la gravidanza hanno avuto il 14% fino al 100% di rischio in più di malattie cardiovascolari in età più avanzata, rispetto a quelle che avevano pressione normale.

Durante la gravidanza, un aumento della pressione sistolica o diastolica, di nuova insorgenza, si è verificato in circa il 17% di tutte le donne.
Circa il 30% di loro ha avuto un evento cardiovascolare prima di avere 60 anni e più e il 3% è deceduto per infarto miocardico, in base ai risultati dello studio.

Le cure primarie e cardiache per le donne dovrebbero comprendere una valutazione di qualsiasi storia di pressione arteriosa elevata durante la gravidanza; un ulteriore monitoraggio e una valutazione dei fattori di rischio cardiovascolare dovrebbero essere effettuati nelle donne con tale storia in modo da evitare eventi negativi nel corso della vita. ( Xagena2013 )

Fonte: Circulation, 2013


Gyne2013 Cardio2013



Indietro