52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Ace inibitori e sartani: il rischio di angioedema è raro


Il rischio di angioedema potenzialmente minacciante la vita non è lo stesso per tutte le classi di farmaci che agiscono a livello del sistema renina-angiotensina-aldosterone ( RAAS ).

Gli Ace inibitori e l’inibitore della renina Aliskiren ( Rasilez ) presentano un rischio di angioedema circa tre volte maggiore rispetto ai beta-bloccanti, la classe di farmaci di riferimento; superiore anche rispetto ai bloccanti dei recettori dell’angiotensina ( anche noti come sartani ).

L’angioedema, tuttavia, rappresenta, una reazione avversa rara; su 1.000 pazienti che fanno uso di questi farmaci, solo 2 andranno incontro a questa complicanza, e il rischio di un episodio grave è ancora più raro.

Il numero di eventi di angioedema durante trattamento con Aliskiren è risultato piccolo; questo è dovuto al minor impiego del farmaco per la sua recente introduzione in commercio; pertanto è necessaria cautela nell'interpretazione dei risultati correlati all’inibitore della renina.

Il rischio di sviluppare angioedema appare essere maggiore nel primo mese dopo l'inizio del trattamento, con successiva diminuzione nel tempo.

Lo studio retrospettivo è stato condotto su pazienti adulti provenienti da 17 Piani sanitari che avevano partecipato al programma Mini-Sentinel della Food and Drug Administration ( FDA ).

Tra i pazienti presi in esame, nel periodo 2001-2010, 1.845.138 avevano iniziato il trattamento con un Ace inibitore, 467.313 con un sartano e 4.867 con Aliskiren.
Il gruppo controllo era costituito da 1.592.278 pazienti trattati con beta-bloccanti, che sono ritenuti essere farmaci che non-aumentano il rischio di angioedema.

Durante il periodo di follow-up ( fino a 365 giorni ), si sono verificati 4.511 casi di angioedema, di cui 3.301 tra i pazienti trattati con Ace inibitori, 288 tra quelli trattati con sartani, 7 con Aliskiren e 915 coi i beta-bloccanti.
L’incidenza cumulativa di angioedema per 1000 persone è stata pari a 1.79 per gli Ace-inibitori, 0.62 per i sartani, 1.44 per Aliskiren e 0.58 per i beta-bloccanti.

Prendendo come riferimento i beta-bloccanti, l’hazard ratio ( HR ) di angioedema è stato pari a 3.04 per gli Ace inibitori, 1.16 per i sartani e 2.85 per Aliskiren.

Riguardo ad Aliskiren, nello studio è stato valutato il rischio di angioedema e di orticaria come un endpoint combinato, e non è stato possibile prendere in esame solo l’angioedema.
Pertanto sono necessari ulteriori studi per meglio definire questa associazione.

I pazienti afro-americani appaiono essere a maggior rischio di angioedema. ( Xagena2012 )

Fonte: TheHeart, 2012


Cardio2012 Penumo2012 Farma2012


Indietro