CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
Gastroenterologia.net

Studio REVEAL: Anacetrapib, un inibitore di CETP, aggiunto alla terapia con statine riduce l'incidenza di eventi coronarici maggiori


L'incidenza di importanti eventi coronarici è risultata significativamente ridotta nei pazienti con malattia vascolare aterosclerotica che hanno ricevuto la terapia statinica con l'aggiunta di Anacetrapib ( inibitore della proteina di trasferimento degli esteri del colesterolo ).

I dati del confronto tra terapia statinica più Anacetrapib versus terapia statinica e placebo, sono stati contemporaneamente pubblicati sul The New England Journal of Medicine ( NEJM ).

L'inibizione farmacologica di CETP può produrre aumenti sostanziali dei livelli di colesterolo HDL, insieme a riduzioni dei livelli di colesterolo non-HDL.
Tuttavia, precedenti studi clinici randomizzati di terapia con l'inibitore di CETP sono stati interrotti dopo circa 2 anni di follow-up a causa dei rischi associati alla terapia o a una apparente mancanza di efficacia.

REVEAL è uno studio di fase III che ha come obiettivo quello di controllare l'efficacia e la sicurezza clinica di Anacetrapib nei pazienti con malattia vascolare aterosclerotica preesistente che hanno ricevuto una terapia efficace con Atorvastatina e hanno avuto un livello medio di colesterolo LDL di 61 mg/dL, di colesterolo non-HDL di 92 mg/dL e un livello medio di colesterolo HDL di 40 mg/dL.

Un totale di 30.449 pazienti sono stati assegnati a ricevere 100 mg di Anacetrapib una volta al giorno oppure placebo.

L'esito primario prespecificato dello studio era rappresentato dal primo evento coronarico maggiore, un composito di morte coronarica, infarto miocardico o rivascolarizzazione coronarica.

Il follow-up mediano è stato di 4.1 anni.

L'esito primario è risultato significativamente meno frequente nei pazienti del gruppo Anacetrapib rispetto al gruppo placebo ( 10.8% vs 11.8%, RR=0.91, IC 95%, 0.85-0.97 ).

La differenza relativa del rischio è risultata in linea in molti gruppi prespecificati.

Il livello medio di colesterolo HDL era superiore a 43 mg/dL e il livello medio di colesterolo non-HDL era inferiore di 17 mg/dL nel gruppo Anacetrapib rispetto al gruppo placebo.

I gruppi non erano diversi riguardo al rischio di mortalità, tumore o altri eventi avversi.

Durante un periodo di follow-up mediano di 4 anni, il trattamento con Anacetrapib non era associato a uno degli effetti avversi precedentemente ipotizzati con i bassi livelli di colesterolo ( ad es. riduzione della funzionalità cognitiva, aumento dell'incidenza di cancro o morte non-vascolare ).
L'aggiunta di Anacetrapib al trattamento intensivo con statine nei pazienti con malattia vascolare aterosclerotica ha determinato una significativamente più bassa incidenza di eventi coronarici maggiori rispetto all'aggiunta di placebo durante i 4 anni di trattamento. ( Xagena2017 )

Fonte: European Society of Cardiology ( ESC ) Congress, 2017

Cardio2017 Endo2017 Farma2017


Indietro