52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Un evento cardiovascolare dopo sindrome coronarica acuta aumenta la mortalità nei pazienti con diabete mellito di tipo 2


Il rischio di mortalità cardiovascolare è apparso aumentato nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia cardiovascolare che hanno sperimentato un evento cardiovascolare, specialmente per coloro che sono stati ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca.

I dati dell’analisi post-hoc dello studio EXAMINE ( Examination of Cardiovascular Outcomes With Alogliptin vs Standard Care ) sono stati presentati al Meeting dell’American Diabetes Association ( ADA ).

I risultati di EXAMINE, uno studio sugli esiti cardiovascolari, erano stati inizialmente pubblicati su The New England Journal of Medicine ( NEJM ) nel 2013.
Lo studio ha incluso pazienti con diabete mellito di tipo 2 e sindrome coronarica acuta ( ACS ) entro 15-90 giorni dall’arruolamento ( n=5380 ).
I pazienti erano stati assegnati in modo casuale a placebo ( n=2679 ) oppure ad Alogliptin 25 mg ( Nesina; Vipidia ) una volta al giorno ( n=2701 ).
L'endpoint primario era l’evento avverso cardiovascolare maggiore ( MACE ), che comprendeva morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale, e ictus non-fatale.

Il periodo di follow-up è stato di circa 18 mesi.

Durante lo studio, il 13.7% dei pazienti ha presentato un primo evento cardiovascolare non-fatale, e in particolare infarto miocardico ( 5.9% ), ictus ( 1.1% ), ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( 3.0% ), e angina instabile ( 3.8% ).

Rispetto a coloro che non hanno presentato un evento cardiovascolare non-fatale, il rischio di mortalità è aumentato in modo significativo dopo infarto miocardico ( hazard ratio aggiustato, aHR = 3.12; IC 95%, 2.13-4.58 ), ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( aHR=4.96; IC 95%, 3.29- 7.47 ), ictus ( aHR=3.08; IC 95%, 1.29-7.37 ), e angina instabile ( aHR=1.66; IC 95%, 0.81-3.37 ).

Inoltre, i tassi di mortalità sono stati del 4.5% nel gruppo Alogliptin e del 4.9% nel gruppo placebo.
Il rischio di morte cardiovascolare ha leggermente favorito Alogliptin rispetto al placebo, ma la differenza non era statisticamente significativa ( HR=0.85; IC 95%, 0.66-1.10 ).

Per coloro che erano stati ospedalizzati per insufficienza cardiaca, tuttavia, i tassi di mortalità sono stati del 22.7% nel gruppo Alogliptin versus 34.1% nel gruppo placebo ( HR=1.02; IC 95%, 0.51-2.02 ).

L'insufficienza cardiaca è risultato essere un potente predittore di mortalità nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e con malattia coronarica. ( Xagena2016 )

Fonte: American Diabetes Association ( ADA ) 76th Scientific Sessions, 2016

Cardio2016 Endo2016 Farma2016


Indietro