Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

Le basse dosi di Aspirina non producono beneficio cardiovascolare, ma aumentano il rischio di sanguinamento nei pazienti con diabete mellito di tipo 2


Nei pazienti con diabete mellito di tipo 2, la terapia con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio non ha influenzato il rischio di eventi cardiovascolari, ma ha aumentato il rischio di sanguinamento gastrointestinale, rispetto ai pazienti non-assegnati alla terapia con Aspirina.

Sono stati analizzati i dati di 1.621 pazienti con diabete mellito di tipo 2, senza preesistente malattia cardiovascolare, che avevano preso parte a JAPD ( Japanese Primary Prevention of Atherosclerosis with Aspirin for Diabetes ), uno studio randomizzato e controllato con cura standard, in aperto, che ha valutato il beneficio cardiovascolare della Aspirina a basso dosaggio.
L'età media al basale era di 65 anni, il 55% era costituito da uomini e la durata media del diabete mellito era di 7 anni.
Lo studio è stato avviato nel 2002.
Un totale di 2.160 pazienti sono stati inclusi nell'analisi per protocollo.

I pazienti sono stati assegnati a ricevere terapia con Aspirina ( 81 mg oppure 100 mg al giorno; n = 992 ) o nienteAspirina ( n = 1.168 ).

Dopo la fine dello studio ( 2008 ), i pazienti sono stati seguiti ogni due anni fino al 2015.
Il periodo osservazionale medio è stato di 10.3 anni.

Gli endpoint primari erano il tempo di prima occorrenza di morte cardiovascolare, malattia coronarica fatale o non-fatale, ictus fatale o non-fatale, e malattia vascolare periferica.

Durante il follow-up, si sono verificati 317 eventi cardiovascolari: 151 nel gruppo Aspirina e 166 nel gruppo non-Aspirina.

Non sono state osservate differenze tra i gruppi per gli endpoint primari; l'hazard ratio ( HR ) per la terapia con Aspirina è stato pari a 1.14 ( IC 95%, 0.91-1.42 ).

I risultati sono persistiti dopo aggiustamento per età, sesso, controllo glicemico, funzione renale, abitudine al fumo, ipertensione e dislipidemia ( HR=1.04; IC 95%, 0.83-1.3 ).

All'interno della coorte, 25 pazienti nel gruppo Aspirina e 12 pazienti nel gruppo non-Aspirina hanno sviluppato sanguinamento gastrointestinale.
Non sono state riscontrate differenze tra i gruppi per ictus emorragico.

Il follow-up post-studio JPAD ( osservazione per più di un decennio ) ha indicato che la terapia a lungo termine con Aspirina a basso dosaggio non è associata a una più bassa incidenza di eventi cardiovascolari nei pazienti giapponesi con diabete mellito di tipo 2 nella prevenzione primaria.
La terapia con Aspirina a basso dosaggio è risultata associata a un significativo aumento di incidenza di sanguinamento gastrointestinale. ( Xagena2016 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Scientific Sessions, 2016

Cardio2016 Endo2016 Farma2016


Indietro