Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

La terapia con statine riduce il rischio di eventi cardiovascolari dopo la rivascolarizzazione carotidea


Da uno studio è emerso che i pazienti con significativa malattia carotidea che hanno ricevuto terapia continua a base di statine hanno presentato un rischio inferiore del 25% di eventi avversi cardiovascolari a lungo termine.

I ricercatori hanno analizzato i dati sanitari di 10.723 pazienti di età pari o superiore a 66 anni sottoposti a rivascolarizzazione dell'arteria carotide mediante stenting o endarteriectomia nel periodo 2002-2014.
Sono stati esclusi coloro che sono stati sottoposti a rivascolarizzazione coronarica e carotidea e i pazienti sottoposti a più procedure carotidee durante lo stesso ricovero ospedaliero.
I pazienti sono stati quindi classificati in base al trattamento con statine ( n=7.893; età media, 75 anni ) o al non-trattamento con statine ( n=2.830; età media, 76 anni ).

E' stato valutato l'uso di statine 150 giorni prima della procedura carotidea indice e fino a 5 anni dopo la procedura.

L'outcome primario di interesse era il rischio composito a 1 anno di infarto miocardico, ictus o morte.
Gli esiti secondari di interesse erano singoli componenti dell'endpoint primario a 1 anno.
Sono stati anche esaminati i rischi individuali e compositi a 5 anni di infarto miocardico, ictus o morte.

Tra i pazienti che assumevano statine, il 68.9% era in terapia a dosaggi moderati o alti.

Il rischio per l'outcome primario a 1 anno era più basso tra i pazienti in trattamento con statine rispetto a quelli non-trattati con le statine ( 9.6% vs 11.2%, hazard ratio, HR=0.76; IC 95%, 0.7-0.83 ).
Questo rischio era anche più basso tra i pazienti su statine, rispetto a quelli non-in-trattamento, per ictus ( 4.4% vs 5.6%, HR = 0.76; IC 95%, 0.67-0.86 ), infarto miocardico ( 2.7% vs 2.9%, HR = 0.81; IC 95%, 0.69-0.95 ) e mortalità ( 4.2% vs 4.7%, HR=0.76; IC 95%, 0.67-0.87 ).

A 5 anni, i pazienti sottoposti a terapia continua con statine avevano un rischio ridotto per il composito di infarto miocardico, ictus o mortalità, rispetto a quelli non-sottoposti a terapia con statine ( HR = 0.75; IC 95%, 0.71-0.8 ).
I pazienti in terapia con statine a 5 anni presentavano anche un ridotto rischio di ictus ( HR=0.8; IC 95%, 0.72-0.89 ), infarto miocardico ( HR = 0.83; IC 95%, 0.73-0.93 ) e mortalità ( HR = 0.73; IC 95%, 0.68-0.79 ).

Il beneficio della terapia con statine era presente indipendentemente dallo stato della sintomatologia dell'arteria carotide, dal tipo di procedura di rivascolarizzazione carotidea o dalla dose di statine. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of American Heart Association, 2018

Cardio2018 Neuro2018 Farma2018


Indietro