52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Alta incidenza di infiammazione miocardica subclinica nell'artrite reumatoide


L'infiammazione miocardica subclinica si verifica frequentemente nell'artrite reumatoide; è associata all'attività di malattia e potrebbe potenzialmente essere alleviata trattando l'artrite reumatoide.
I pazienti con artrite reumatoide presentano un più alto rischio di sviluppare insufficienza cardiaca.

Uno studio ha valutato la tomografia ad emissione di positroni ( PET ) con 18-fluorodesossiglucosio ( 18-FDG ) associata a tomografia computerizzata ( FDG PET-CT ) in pazienti con artrite reumatoide senza malattie cardiovascolari note.

E' stato osservato che una percentuale significativa di pazienti presentava assorbimento di FDG, in accordo con la diagnosi di miocardite subclinica.

Per analizzare la prevalenza e le correlazioni di infiammazione miocardica subclinica tra i pazienti con artrite reumatoide, sono stati studiati i partecipanti arruolati nello studio RHYTHM ( Rheumatoid Arthritis Study of the Myocardium ), reclutati dai Centri di reumatologia affiliati al Columbia University Medical Center ( Stati Uniti ).

Sono stati studiati 119 pazienti adulti affetti da artrite reumatoide senza alcuna malattia cardiovascolare nota, sottoposti a FDG PET-CT.
E' stato valutato l'assorbimento del miocardio di FDG sia visivamente che quantitativamente attraverso valori di assorbimento standardizzati.

Un sottogruppo di 8 partecipanti trattati con terapia antireumatica modificante la malattia ( DMARD ) è stato sottoposto a una seconda scansione FDG PET-CT dopo 6 mesi, per valutare i cambiamenti associati al trattamento nell'assorbimento miocardico di FDG.

L'assorbimento mediante interpretazione immagine visiva di FDG è stato osservato nel 37% dei 119 pazienti con artrite reumatoide inclusi nello studio.
Inoltre, il 18% ha dimostrato un anomalo assorbimento miocardico di FDG, valutato quantitativamente.
I valori di assorbimento medi standardizzati sono stati del 31% più alti per i pazienti con un indice di attività clinica ( CDAI ) di 10 o superiore, rispetto a quelli con punteggi più bassi ( P = 0.005 ), dopo aggiustamento per potenziali fattori confondenti.

La media dei valori di captazione standardizzati aggiustati è stata del 26% più bassa tra i pazienti trattati con farmaci biologici con bersaglio diverso da TNF ( fattore di necrosi tumorale ), rispetto a quelli trattati con DMARD convenzionali e non-biologici ( P = 0.029 ).

Inoltre, è stato trovato che i valori di captazione miocardica standardizzata sono diminuiti da 4.5 a 2.3 unità durante un periodo di 6 mesi, il che corrisponde a una diminuzione dell'indice CDAI medio da 23 a 12 unità.

Secondo gli Autori, lo studio supporta l'ipotesi che l'infiammazione del miocardio nell'artrite reumatoide sia correlata all'attività di malattia e possa contribuire all'aumento del rischio di insufficienza cardiaca nei pazienti con questa malattia reumatica.
Inoltre, il trattamento mirato per ottenere un controllo articolare, può prevenire ulteriori danni al cuore. ( Xagena2018 )

Fonte: Arthritis & Rheumatology, 2018

Reuma2018 Cardio2018



Indietro