CardioPreventariab.it
Associazione Silvia Procopio
American Heart Association
ACC Meeting

Warfarin, un anticoagulante orale, correlato a più basso rischio di cancro, soprattutto nei pazienti con fibrillazione atriale


Uno studio osservazionale, effettuato in Norvegia, ha mostrato che l'anticoagulante orale Warfarin ( Coumadin ) può proteggere le persone di età superiore ai 50 anni da diversi tumori.

L'associazione è risultata più forte nella analisi di sottogruppi di pazienti che assumono Warfarin per fibrillazione atriale o flutter atriale.

Tra circa 1.25 milioni di adulti di età compresa tra 52 e 82 anni identificati nei registri nazionali norvegesi, 92.942 ( 7.4% ) sono stati classificati come utilizzatori di Warfarin e circa 1.1 milioni come non-utilizzatori di Warfarin.
L'uso di Warfarin è stato definito come almeno 6 mesi di prescrizione di Warfarin e almeno 2 anni dalla prima prescrizione alla diagnosi di tumore.

Durante il periodo osservazionale di 7 anni, 132.687 partecipanti ( 10.6% ) hanno ricevuto diagnosi di cancro.
Rispetto ai non-utilizzatori di Warfarin, gli utilizzatori di Warfarin hanno presentato significativamente più bassi tassi di tumori e di tumore del polmone, della prostata e della mammella, ma non del colon.

Il rapporto tra tassi d'incidenza ( IRR ) tra coloro che erano trattati con Warfarin, rispetto ai non-utilizzatori, era: tutti i tumori 0.84 ( IC 95%, 0.82-0.86 ), tumore alla prostata 0.69 ( 0.65-0.72 ), tumore al polmone 0.80 ( 0.75-0.86 ), tumore alla mammella 0.90 ( 0.82-1.00 ), tumore del colon 0.99 ( 0.93-1.06 ).

L'analisi di sottogruppi di pazienti con fibrillazione atriale o flutter atriale ha mostrato una percentuale significativamente più bassa di tumore complessivo ( IRR=0.62; IC 95%, 0.59-0.65 ) e di tumore del polmone ( 0.39, IC 95%, 0.33-0.46 ), tumore alla prostata ( 0.60, IC 95%, 0.55-0.66 ), tumore alla mammella ( 0.72, IC 95%, 0.59-0.87 ) e tumore al colon ( 0.71, IC 95%, 0.63-0.81 ).

L'associazione tra l'utilizzo di Warfarin e la minore incidenza di tumore in questo sottogruppo era più forte rispetto a quella dei gruppi nell'analisi principale. ( Xagena2017 )

Fonte: JAMA Internal Medicine, 2017

Cardio2017 Onco2017 Farma2017


Indietro