CardioPreventariab.it
American Heart Association
Associazione Silvia Procopio

Studio FOURIER: le concentrazioni molto basse di colesterolo LDL associate a una riduzione del rischio di eventi cardiovascolari


Una analisi secondaria dello studio FOURIER ha mostrato che i pazienti che hanno raggiunto livelli di colesterolo LDL inferiori a 0.2 mmol/L con gli inibitori di PCSK9 ( proproteina della convertasi subtilisina/kexina tipo 9 ) avevano un rischio ridotto di eventi cardiovascolari ricorrenti.

Sono stati analizzati i dati di 25.982 pazienti dallo studio FOURIER di età compresa tra 40 e 85 anni con malattia cardiovascolare aterosclerotica stabile che sono stati considerati ad alto rischio a causa di fattori di rischio aggiuntivi.

Nello studio FOURIER i pazienti sono stati assegnati a trattamento con Evolocumab ( Repatha ) per via sottocutanea al dosaggio di 140 mg ogni 2 settimane o 420 mg una volta al mese, oppure a iniezioni di placebo.
Le visite di follow-up sono state condotte per una mediana di 2.2 anni.

L'endpoint primario era il composito di infarto miocardico, morte cardiovascolare, rivascolarizzazione coronarica, ictus o ricovero ospedaliero per angina instabile.
L'endpoint secondario chiave era rappresentato da un composito di infarto miocardico, ictus o morte cardiovascolare.
Sono stati inoltre esaminati dieci endpoint prefissati di sicurezza, inclusi gli eventi avversi che hanno portato alla sospensione del farmaco e al decesso per cause non-cardiovascolari.

A 4 settimane, il 10% dei pazienti aveva un valore di colesterolo LDL inferiore a 0.5 mmol/L, il 31% aveva livelli di colesterolo LDL compresi tra 0.5 mmol/L e un valore inferiore a 1.3 mmol/L, il 13% aveva livelli di colesterolo LDL tra 1.3 mmol/L e un valore inferiore a 1.8 mmol/L.
Il 29% dei pazienti ha raggiunto un valore di colesterolo LDL compreso tra 1.8 mmol/L e livelli inferiori a 2.6 mmol/L e il 17% dei pazienti ha avuto un LDL pari o superiore a 2.6 mmol/L.

I ricercatori hanno osservato una relazione monotonica significativa tra le basse concentrazioni di LDL e il rischio ridotto di endpoint compositi primari ( P =0.0012 ) e secondari ( P = 0.0001 ) estesi a pazienti che hanno raggiunto concentrazioni LDL inferiori a 0.2 mmol/L.

Le concentrazioni LDL raggiunte non erano associate a tutti gli eventi avversi gravi o agli eventi di sicurezza prestabiliti.

Questi dati supportano l'uso di terapie intensive di riduzione dei lipidi per prevenire eventi cardiovascolari ricorrenti nei pazienti ad alto rischio, e hanno indicato che un basso livello di colesterolo LDL è previsto dalle attuali raccomandazioni ( ad esempio, inferiore a 0.5 mmol/L ) per i pazienti più a rischio.

Lo studio è stato anche pubblicato su The Lancet. ( Xagena2017 )

Fonte: European Society of Cardiology ( ESC ) Congress, 2017

Cardio2017 Endo2017 Farma2017


Indietro