CardioPreventariab.it
American Heart Association
Associazione Silvia Procopio

Livelli molto bassi di colesterolo LDL con Alirocumab non appaiono associati a eventi avversi neurocognitivi


Una analisi effettuata su più di 5.000 pazienti ha indicato che il mantenimento di livelli molto bassi di colesterolo LDL durante il trattamento con Alirocumab ( Praluent ) non si associa a conseguenze avverse, ad eccezione di un incremento dei casi autoriferiti di cataratta.

Il rischio di eventi neurocognitivi non è aumentato nei pazienti con livelli di colesterolo LDL inferiori a 25 mg/dL durante la terapia con l’inibitore PCSK9 ( proproteina convertasi subtilisina-kexina di tipo 9 ).

Timori relativi a possibili perdite di memoria e altri effetti neurocognitivi erano sorte con l’inibitore PCSK9 Evolocumab nello studio OSLER e con Alirocumab nello studio ODYSSEY LONG TERM.

Una recente meta-analisi ha riportato tassi simili di gravi eventi avversi tra i pazienti sia che assumevano sia che non-assumevano inibitori PCSK9, ma ha riscontrato un aumento quasi triplicato di eventi neurocognitivi con questi nuovi farmaci quando l'analisi veniva limitata ai due studi citati, disegnati per la valutazione gli esiti cardiovascolari.

L'eccesso di eventi neurocognitivi era stato osservato solo nei pazienti dei due studi trattati con le dosi più elevate di Evolocumab ( 140 mg ogni 2 settimane ) o di Alirocumab ( 150 mg ogni 2 settimane ).

I dati dello studio FOURIER dovrebbero fornire notizie importanti riguardo alle reazioni avverse a livello del sistema nervoso centrale.
Amgen, società produttrice di Evolocumab, ha comunicato alcuni risultati che dimostrano come Evolocumab abbia ridotto significativamente gli eventi cardiovascolari nello studio FOURIER, e sia risultato non-inferiore al placebo in relazione agli effetti neurocognitivi nello studio EBBINGHAUS.

Nell’attuale analisi sono stati analizzati i dati di 5.234 pazienti con ipercolesterolemia raccolti da 14 studi condotti con Alirocumab nel corso del Programma di sviluppo clinico ODYSSEY di fase 2 e 3.
In totale 3.340 pazienti sono stati randomizzati ad Alirocumab e 1.894 a placebo o Ezetimibe.

Tra i pazienti trattati con Alirocumab, il 25.1% e il 9.4% hanno fatto registrare almeno due volte consecutive livelli di colesterolo LDL, rispettivamente, inferiori di 25 mg/dl e inferiori di 15 mg/dl, nel follow-up esteso fino a 104 settimane.

Eventi avversi emergenti dal trattamento sono stati riportati nel 77.1% dei controlli e nel 76.7%, 72.7% e 71.7% dei pazienti trattati con Alirocumab che hanno raggiunto livelli di colesterolo LDL, rispettivamente, maggiore o uguale a 25 mg/dL, minore di 25 mg/dL e Con i tre gruppi, l'incidenza è risultata simile in termini di disturbi neurocognitivi ( 1.0% vs 0.6% vs 0.3% ) ed eventi muscolo-scheletrici ( 16.5% vs 13.8% vs 14.3% ).

Non così per la cataratta auto-riportata o la chirurgia della cataratta ( 0.8% vs 2.5% vs 2.9%; P = 0.0018 per colesterolo LDL superiore a 25 mg/dL vs inferiore a25 mg/dL ).
Il risultato è rimasto significativo dopo correzione per la propensione a raggiungere livelli di colesterolo LDL inferiori a 25 mg/dL ( hazard ratio, HR=3.4; P = 0.0018 ).
I dati sulla cataratta sono in linea con l'uso di Rosuvastatina nello studio HOPE-3; questo potrebbe essere un effetto fisiologico dell'occhio, ricco di colesterolo, e che quindi potrebbe essere molto sensibile a variazioni della colesterolemia. ( Xagena2017 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2017

Cardio2017 Endo2017 Neuro2017 Farma2017


Indietro